Utilizzare Ottiche Canon EF su Central Ds CDS 600

Utilizzare ottiche Canon EF su Central Ds CDS 600, massima versatilità per astrofotografia a grande campo degli ammassi stellari, nebulose e Via Lattea.

CentralDS ha prodotto una Canon Eos 600D totalmente riboxata e refrigerata a cella di Peltier per uso prettamente astronomico, la Central Ds Canon CDS 600d.
Questo è un sensore dedicato all’astrofotografia con la possibilità di utilizzare un raccordo per telescopi da 2 pollici e l’applicazione degli obiettivi attacco Canon. Come indicato sul sito di CentralDs sono state rimosse: Box specchio, mirino, messa a fuoco automatica, display LCD, controllo pulsanti, flash stroboscopico, Li-ion, uscita video, uscita HDMI, microfono, controllo diaframma su obiettivi EF. Questo comprende gestione diaframma ed esposimetro.

cds600_centralds_obiettivi_canon_raccordo_eos

Per utilizzare ottiche Canon di tipo Ef motorizzate sulla camera Central Ds CDS 600 occorre una procedura indispensabile per lavorare con ottiche luminose a rapporto focale desiderato chiudendo a piacere il diaframma in modo manuale. Come procedere?

Disporre di una reflex digitale Canon Eos o compatibile con ottiche EF e seguire queste procedure:

1) Applicare l’obiettivo EF su un corpo macchina Reflex digitale come Canon Eos compatibile con le ottiche e rimuovere il tappo frontale;

2) accendere la reflex ed impostare il diaframma al f desiderato;

3) mettere l’obiettivo EF in modalità autofocus Manuale;

4) mettere la reflex su posa bulb;

5) premere il pulsante di scatto senza rilasciarlo, e contemporaneamente premere il pulsante di rimozione dell’obiettivo ruotando l’obiettivo per sganciarlo dal corpo macchina;

6) ora il diaframma dell’obiettivo è rimasto chiuso alla posizione desiderata;

7) rilasciare il pulsante di scatto e coprire la reflex con il tappo di protezione frontale anti polvere come quando la si custodisce senza obiettivi;

8) applicare l’obiettivo alla Central Ds e svolgere la sessione di ripresa;

9) finita la ripresa il rilascio della apertura totale del diaframma per ripristinarlo alla sua posizione di riposo si effettua riagganciando l’obiettivo al corpo macchina della reflex digitale, il quale appena si innesta sul fermo di battuta permette la riapertura delle lamelle del diaframma alla massima apertura;

10) questa procedura vale anche per corpi macchina analogici compatibili con la marca degli obiettivi EF che fanno al caso vostro.

Lo scopo di questa procedura è ottenere immagini astronomiche più nitide e senza la fastidiosa caduta di luce ai bordi data dalla massima apertura del diaframma.

Questa operazione vi farà risparmiare il costo di acquisto di nuove ottiche a controllo manuale o spese di apertura degli obiettivi sul banco ottico per il blocco del diaframma, operazione reversibile ma scomoda e costosa; inoltre non è possibile creare diaframmi aggiuntivi su questo genere di ottiche, ne frontali ne posteriori all’obiettivo (già preventivata l’impossibilità di realizzazione di tali accessori dalla prestigiosa ditta Coma di Lolli Adriano, che tutti gli astrofotografi conoscono).

diaframma_ef_chiuso_manualmente

 

 

 

obiettivo_canon_ef_chiuso_manualmente_centralds_cds600

 

Prova sul campo, questo articolo mostra alcune riprese riprese con ottica Canon EF 100 mm f 2.

Con le parole chiave , , , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

I commenti sono disattivati