Cosa facciamo

Le nostre astrofotografie vengono realizzate principalmente nel territorio italiano, sotto i cieli tersi e distanti dell’inquinamento luminoso degli appennini e delle alpi, da astrofili itineranti operiamo con una strumentazione altamente trasportabile, per realizzare le riprese durante il tempo libero e le settimane in vacanza.

Offriamo consulenza e preziosi consigli ai principianti per l’acquisto del loro primo telescopio e siamo disposti a dare lezioni private e consulenza sull’utilizzo dei telescopi in genere. Aiutiamo nella scelta d’acquisto e facciamo corsi privati per gli astrofili che intendono avvicinarsi al mondo dell’astrofotografia con le reflex digitali o con le video camere per riprese planetarie.

Collaboriamo con l’Osservatorio Astronomico del Celado (Castello Tesino, TN) dove produciamo le riprese astronomiche migliori grazie alla disponibilità per l’affitto di un telescopio molto potente, un riflettore Newton con uno specchio di 80 cm di diametro e 3,2 metri di Focale della prestigiosa ditta Philip Keller.

La fotografia come dice la parola stessa significa disegnare con la luce, la riuscita delle fotografie riprese di notte, sotto il cielo stellato, si basa sulla conoscenza base di fotografia e di astronomia. Fotografare la debole luce degli astri, in particolare i soggetti del cielo profondo “deep sky”, comporta il frequente utilizzo dei tempi di esposizione lunghi per registrare il segnale necessario alla realizzazione di belle immagini astronomiche. Conforme il target di difficoltà prefissato per la realizzazione delle astro fotografie il semplice uso del treppiede e del comando di scatto a distanza potrebbe non essere più sufficiente. Da qui la necessità di utilizzare supporti professionali che inseguono la volta celeste.

Come abbiamo imparato e cosa deve apprendere un neofita

Cosa deve imparare un appassionato di fotografia terrestre per avvicinarsi alla fotografia astronomica?

Ecco i punti salienti:

conoscenza del cielo, delle costellazioni e del movimento terrestre attorno al proprio asse ed attorno al Sole, la nostra stella; fonti culturali date dalle associazioni astrofile, i forum di astronomia, le riviste ed i libri di settore;

conoscenza delle tecniche base di astrofotografia, pre scatto, settaggi e strumentazione adatta (di fondamentale importanza la marca ed il modello di strumenti idonei per iniziare);

conoscenza base delle caratteristiche degli strumenti che servono ad inseguire gli astri compensando la rotazione terrestre; gli strumenti possono essere semplici come un astroinseguitore oppure più complessi come un vero e proprio telescopio motorizzato su montatura equatoriale;

conoscenza delle caratteristiche fisiche e chimiche di ciò che si sta fotografando per poter dare un valore più preciso possibile e veritiero sulla natura e di conseguenza sul colore del soggetto ripreso, colore delle stelle e dei gas che compongono la Via Lattea, le nebulose e le Galassie; fondamentale per non dare un’interpretazione errata in fase di elaborazione delle immagini astronomiche;

conoscenza base delle principali attrezzature di supporto quali, computer e programmi di grafica o software di foto ritocco, software di ripresa e di trattamento-elaborazione delle immagini astronomiche, necessari per la post produzione;

pianificazione per la preparazione degli accessori indispensabili alle escursioni in notturna che rendono comoda e sicura la sessione osservativa, dall’abbigliamento adatto, alla ben fornita cassetta porta attrezzi, dalla postazione di lavoro ai sistemi di alimentazione degli strumenti;

conoscenza ed interpretazione delle previsioni meteorologiche al fine di programmare le uscite notturne nelle migliori serate serene;

astrofili-moderni- telescopi-computerizzati

I fotografi astronomici imparano tutto questo diventando dapprima astrofili, arricchendo così notevolmente il proprio bagaglio culturale e dando un valore tangibile e concreto ai propri lavori.

Due sono le strade per far pratica intensiva:

le associazioni astrofili che investono molto tempo alle uscite osservative;

il lavoro individuale con consulto di altri esperti sui social media o ai meeting di astrofotografia organizzati tramite gli annunci in internet sui forum di settore; senza dimenticare che prima di acquistare uno strumento occorre un consiglio degli esperti.

Imparare a fotografare il cielo, può essere un’attività facile da imparare e semplice da condurre, ma anche una strada lunga ed impegnativa, per i più motivati, perché tutte le attività di stampo scientifico e tecnologico hanno bisogno di continui aggiornamenti; il sonno che viene rubato a tante notti trascorse sotto le terse notti stellate, spesso quelle più gelide del lungo inverno, sarà di certo ripagato con tante soddisfazioni.

Contatti per consulenza astrofotografia e scelta degli strumenti.

Lascia un commento